Presentazione di Economia Femminista: Visibilizzare l’invisibile

Condividi:

Loading

I testi di questo dossier riflettono esclusivamente l’opinione dei suoi autori, che non deve coincidere con la posizione istituzionale di Economistas sin Fronteras (EsF) al riguardo.

EsF è un’organizzazione non governativa per lo sviluppo (ONGD), fondata nel 1997 a livello universitario, che attualmente coinvolge persone interessate a costruire un’economia equa, solidale e sostenibile, con un orientamento prioritario all’eradicazione della Povertà e della disuguaglianza.

In EsF crediamo sia necessario un altro modello di sviluppo, che metta l’economia al servizio dell’essere umano e non, come accade oggi, milioni di persone al servizio dell’economia

Il nostro obiettivo è contribuire alla costruzione di una cittadinanza socialmente responsabile, attiva e impegnata con la necessaria trasformazione sociale. Vogliamo essere una ONG leader nella ricerca di un’economia equa e contribuire a facilitare il dialogo e favorire il lavoro di rete di diversi attori sociali ed economici. Perché solo attraverso il raggiungimento di un’ampia partecipazione sociale possiamo ottenere un’economia equa.

Grazie ai contributi periodici dei nostri partner , possiamo pianificare e realizzare progetti a lungo termine, senza fare affidamento sui sussidi.

Se desideri diventare un membro EsF e collaborare periodicamente con noi, compila il modulo disponibile sul nostro sito web www.ecosfron.org

______________________________________________________

di Eba Armendáriz Echániz

Economistas sin Fronteras

Questo dossier arriva in un momento in cui la parola femminismo è passata dallo stare nell’ombra a coprire le copertine dei media mainstream in tutto il mondo. Sono tempi che invitano alla riflessione. Perché così tante donne si sono sentite chiamate a uscire per strada l’8M? Cosa c’è dietro le loro richieste? Perché uno sciopero dell’assistenza, consumo, lavoro e istruzione? Perché questo sforzo di mescolare le pere con le mele e rendere visibili “cose” che appartengono alla sfera privata? Perché questo voler dare valore alle attività che chiunque può fare? Perché cambiare ciò che è stato così per tutta la vita? Perché parlare della divisione sessuale del lavoro? Perché parlare di condividere tempi e responsabilità invece di parlare solo di soldi? Cosa c’entra l’economia con tutto questo?

Forse molto più di quanto sembri a prima vista. L’economia femminista, un flusso di pensiero critico nella costruzione che viene  dall’accademia, ma anche dai movimenti sociali, da anni ha posto sul tavolo molte delle questioni su cui si sta iniziando a parlare. L’articolo di Amaia Pérez Orozco e Astrid Agenjo Calderón introduce questo altro modo di vedere proprio dell’economia femminista, con alcuni contributi concettuali e metodologici che verranno successivamente sviluppati in altri articoli di questo dossier. Spiegano chiaramente, tra l’altro, come l’economia sia più che il mercato, che il genere sia sì importante, che il sistema in cui viviamo sia eteropatriarcale e che non sia possibile raggiungere l’uguaglianza senza capovolgere il sistema economico.

Dopo questo primo articolo, continuiamo con altri tre sulle politiche per cambiare l’invisibile. Le politiche pubbliche possono essere uno strumento che migliora la trasformazione della realtà e supera le disuguaglianze strutturali o tutto il contrario. Carmen Castro García parla del ruolo da assegnare alle politiche pubbliche e menziona sei iniziative per la riorganizzazione sociale di tempi e posti di lavoro e la potenzialità trasformativa del genere.

Nel suo articolo Maite Ezquerro Sáenz fornisce alcuni dettagli sulle riflessioni, le rivendicazioni e le proposte fatte intorno al Diritto alla cura. Sistemi di assistenza giusti, equi e corresponsabili, uno degli assi del processo derivante dalla Campagna Tipi-Tapa Bagoaz: Verso una vita sostenibile. La campagna è culminata con il Tribunale popolare per il diritto alla vita sostenibile, al quale sono stati presentati due casi reali in cui è stata affrontata la violazione dei diritti relativi alle cure.

Justa Montero Corominas chiude il blocco politico con un articolo sullo sciopero femminista che ha avuto luogo l’8M. Uno sciopero che ha trasceso il concetto tradizionale, inteso come sciopero del lavoro nell’ambito della produzione, per estenderlo al campo della riproduzione sociale, al lavoro di cura e domestico svolto dalle donne, riuscendo a collocare entrambi nello stesso processo economico. Lo sciopero ha portato cose spesso nascoste dalla sfera privata delle case alla sfera pubblica, dove sono diventate una richiesta di cambiamenti politici e sociali.

L’articolo successivo apre un blocco dedicato alle iniziative che rendono visibile l’invisibile o, come sottolinea il titolo dell’articolo di Matxalen Legarreta Iza e Marina Sagastizabal Emilio-Yus, l’invisibilizzato (che non è invisibile). Le autrici descrivono le indagini sugli usi del tempo, uno strumento utile quando si tratta di rendere visibile il lavoro svolto in ambiti poco regolati nella vita di tutti i giorni, come quello famigliare-domestico, e che hanno dato un contributo importante per evidenziare le disparità di genere in questo settore. Dato che sono la “materia prima” con cui vengono alimentati i Conti satellite, è importante sapere come vengono creati, come funzionano e anche i limiti che presentano.

Proprio nel seguente articolo Mertxe Larra-ñaga Sarriegi approfondisce i Conti satellite, uno strumento che ci consente di includere il lavoro di assistenza domestica e non retribuita nel PIL, l’indicatore convenzionale più importante per misurare l’attività economica e molte altre questioni come il welfare o il deficit e l’indebitamento pubblici. L’autrice, prendendo come riferimento il caso della Comunità autonoma di Euskadi, pioniera nella contabilità satellite della produzione domestica, contestualizza e spiega i diversi modi che si utilizzano per valutare le attività che non attraversano il mercato, ma che sono chiave per il funzionamento del sistema.

Chiudendo il blocco, Yolanda Jubeto Ruiz ci introduce a un altro strumento cruciale per lavorare sull’equità della politica pubblica: il bilancio con una prospettiva di genere. L’inclusione di una prospettiva di genere nei bilanci delle pubbliche amministrazioni mira ad analizzare se l’impatto differenziato che alcune voci di bilancio possono avere su donne e uomini contribuisca a ridurre, aumentare o mantenere determinate situazioni discriminatorie esistenti, a partire dalle diverse esperienze, posizioni e ruoli che donne e uomini hanno nella società. L’articolo mostra come può essere uno strumento utile per le pubbliche amministrazioni per rafforzare i progressi nella giustizia sociale dal punto di vista dell’equità tra donne e uomini in tutte le politiche pubbliche.

Il dossier termina con una raccomandazione di lettura: Subversión feminista de la economía, aportes para un debate sobre el conflicto capital-vida. Un lavoro essenziale per mettere in discussione l’economia ortodossa da una prospettiva di genere.

Approfitto di questo spazio per ringraziare della collaborazione le persone che hanno reso possibile questo dossier. Grazie mille per averci fatto (ri)pensare all’economia e aiutarci a guardare da un’altra prospettiva, mettendo la vita al centro, rendendo visibile l’invisibilizzato. Perché se non è visibile, non esiste; e se non esiste, non ha nome, non può essere misurato. Solo in questo modo, dando il nome alle “cose”, possiamo analizzare, comprendere e organizzarci per fare richieste politiche e andare verso un’economia più giusta.

Credits: Fotomovimiento.org

Articolo tratto dal Granello di Sabbia n. 44 – Numero speciale di Marzo 2020. Dossier dell’associazione Economistas sin Fronteras: “Economia Femminista: Visibilizzare l’invisibile

 

Se sei arrivato fin qui, vuol dire che ti interessa ciò che Attac Italia propone. La nostra associazione è totalmente autofinanziata e si basa sulle energie volontarie delle attiviste e degli attivisti. Puoi sostenerci aderendo online e cliccando qui . Un tuo click ci permetterà di continuare la nostra attività. Grazie"